AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PER I CLIENTI COLPITI DAGLI EVENTI SISMICI DEL CENTRO ITALIA DEL 24/08/2016 E SUCCESSIVI DISCIPLINATE DALLA DEL. 252/2017/R/COM

Dopo la sospensione di 6 mesi per il pagamento delle bollette di energia, gas e acqua, decisa subito dopo gli eventi sismici, le popolazioni colpite dai terremoti del Centro Italia (del 24 agosto e successivi eventi) potranno beneficiare di una nuova agevolazione sancita dalla deliberazione 252/2017/R/com dell’Autorità.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha, infatti, stabilito che a partire dalla data degli eventi sismici e per i successivi 3 anni gli utenti non dovranno pagare per il gas le seguenti componenti: Τ1,T3, GS, RE, RS, UG1 (della famiglia delle tariffe di distribuzione e misura) per l’energia elettrica: TD (T1,T2,T3 per il 2016) e componenti A e UC (relativamente al trasporto e agli oneri).

Per tutte le forniture saranno eliminati i costi normalmente previsti per nuove connessioni, per le disattivazioni, le riattivazioni e/o volture.

Le agevolazioni riassunte in precedenza verranno applicate in modo del tutto automatico alle utenze già esistenti nei comuni colpiti dal sisma e sono cumulabili con il bonus elettrico e gas.

Tutte le agevolazioni stabilite dall’Autorità sono valide indipendentemente dalla localizzazione dell’utenza.

Viene così garantito il principio della loro portabilità che consente a chi si è trovato costretto a trasferirsi in altre località anche non coinvolte nel sisma, a causa dell’inagibilità del proprio immobile, di non perdere il diritto all’agevolazione.

CRITERI DI RATEIZZAZIONE PER I CLIENTI COLPITI DAGLI EVENTI SISMICI DEL CENTRO ITALIA DEL 24/08/2016 E SUCCESSIVI DISCIPLINATI DALLA DEL. 252/2017/R/COM

Il provvedimento stabilisce la rateizzazione degli importi i cui termini di pagamento sono stati sospesi, e che saranno oggetto di conguaglio in sede di emissione della fattura unica, su un periodo minimo di 24 mesi senza applicazione di interessi a carico dei clienti finali.

Il periodo di rateizzazione avrà durata inferiore nel caso in cui le rate così determinate risultassero inferiori a 20 euro o nel caso in cui il cliente concordasse un piano di durata inferiore con il proprio fornitore.

La rateizzazione di cui sopra non troverà applicazione nel caso di importi complessivi inferiori a 50 euro.

INVITIAMO A FORNIRCI QUANTO PRIMA GLI INDIRIZZI ALTERNATIVI DI RECAPITO DELLE FATTURE E DELLE ALTRE NOSTRE COMUNICAZIONI – PER CHI, A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI, AVESSE CAMBIATO INDIRIZZO.

A tal scopo potete utilizzare la mail assistenzaclienti@baroccospa.it oppure chiamare il numero 0836 311372 – 800171710

SOGGETTI BENEFICIARI DELLE AGEVOLAZIONI TARIFFARIE A SEGUITO DEGLI EVENTI SISMICI DEL CENTRO ITALIA DEL 24/08/2016 E SUCCESSIVI DISCIPLINATE DALLA DEL. 252/2017/R/COM

Le agevolazioni indicate si applicano AUTOMATICAMENTE ai clienti finali titolari di forniture di energia elettrica e gas naturale e gas diversi distribuiti a mezzo di reti canalizzate:

a) attive, alla data del 24 agosto 2016, nei Comuni di cui all’allegato 1 al decreto legge 189/16 colpiti dagli eventi sismici;
b) attive, alla data del 26 ottobre 2016, nei Comuni di cui all’allegato 2 al decreto legge 189/16 colpiti dagli eventi sismici ad eccezione delle utenze e delle forniture site nei comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto;
c) attive, alla data del 18 gennaio 2017, nei Comuni di cui all’allegato 2-bis al decreto legge 189/16 colpiti dagli eventi sismici;
d) site nelle SAE, ovvero nei MAPRE, ivi incluse le utenze e le forniture relative ai servizi generali delle suddette strutture; site nelle aree di accoglienza temporanea alle popolazioni colpite allestite dai Comuni e a quelle site negli immobili ad uso abitativo per assistenza alla popolazione.
Le medesime agevolazioni si possono applicare, SU RICHIESTA DEL CLIENTE FINALE anche alle utenze:
e) site in altri Comuni delle regioni interessate dagli eventi sismici del 2016 e successivi e attive alla data di tali eventi, su richiesta dei soggetti che dimostrino il nesso di causalità diretto tra l’inagibilità dell’immobile in cui è sita l’utenza e gli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, comprovato da apposita perizia asseverata;
f) site nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto e attive alla data di tali eventi, su richiesta dei soggetti che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/00 con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti;
g) su richiesta del soggetto che abbia subito, a causa degli eventi sismici del 24 agosto e successivi, gravi danni alla propria abitazione di residenza e sia pertanto in grado di dimostrare l’inagibilità parziale o totale della stessa e il nesso di causalità con i menzionati eventi comprovato da apposita perizia asseverata;
h) site nei MAP e destinate ai soggetti colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successivi e le utenze e le forniture temporanee ad uso abitativo, quali ad esempio roulotte e camper, ad esclusione di quelle associate agli attrazionisti viaggianti, su richiesta dell’utente che abbia subito, a causa degli eventi sismici del 24 agosto e successivi, gravi danni alla propria abitazione e sia pertanto in grado di dimostrare l’inagibilità parziale o totale della stessa e il nesso di causalità con i menzionati eventi comprovato da apposita perizia asseverata.
Per quest’ultimo gruppo di clienti, l’ottenimento dell’agevolazione è subordinato alla presentazione di un’istanza per usufruire delle suddette agevolazioni unitamente alla seguente documentazione:

Tipologia f):

copia dell’atto di certificazione dell’Autorità comunale competente, o di equivalente documentazione, sullo stato di inagibilità della originaria unità immobiliare nella titolarità del cliente finale, ovvero dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/00, con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti, attestante l’inagibilità dell’originaria unità immobiliare nella titolarità del medesimo cliente finale; autocertificazione in cui si dichiara la data di accadimento dell’evento sismico che ha reso inagibile l’abitazione (scelta tra le opzioni del giorno 24 agosto 2016, 26 ottobre 2016 o 18 gennaio 2017) e che, in relazione al punto di fornitura asservito all’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a)non sono state richieste agevolazioni per altri punti di fornitura, né da parte del soggetto richiedente, né da parte di altri soggetti che alla data precedentemente indicata, risiedevano nell’unità immobiliare di cui alla medesima lettera a); elementi identificativi del contratto, ivi inclusa la tipologia del contratto medesimo, rispettivamente, di fornitura di energia elettrica, di gas naturale e del servizio idrico relativo all’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a); eventuale autocertificazione che l’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a) è la casa di residenza; l’autocertificazione di aver risieduto alla data indicata al precedente punto b) nella medesima unità immobiliare, qualora il soggetto richiedente sia diverso dal titolare delle utenze nell’unità immobiliare di cui alla precedente lettera a).

Per la produzione delle autocertificazioni richieste è possibile utilizzare il modulo in allegato Tipologia e), g), h):
stessa documentazione di cui al punto precedente; inoltre entro 18 mesi dall’invio dell’istanza, occorre presentare copia della perizia asseverata che dimostri il nesso di causalità diretto tra i danni verificatisi e gli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016 e successivi.